Chi Siamo
Nel 2009, in ossequio a direttive regionali tese a valorizzare le piccole medie attività commerciali dei centri cittadini, viene costituito il Distretto Urbano del Commercio di Varese che opera attraverso l’Associazione IN VARESE. - CONTINUA -

Chi Siamo

Nel 2009, in ossequio a direttive regionali tese a valorizzare le piccole medie attività commerciali dei centri cittadini, viene costituito il Distretto Urbano del Commercio di Varese che opera attraverso l’Associazione IN VARESE. All’Associazione partecipano il Comune di Varese, UNIASCOM Unione Associazione Commercianti della Provincia di Varese, Confesercenti Varese e le altre principali Associazioni di categoria cittadine. L’Associazione opera per lo sviluppo di azioni di marketing funzionali alla valorizzazione degli operatori commerciali presenti nell’area distrettuale coincidente con il centro cittadino e di interventi integrati e di sistema dedicati alla clientela del Distretto. In occasione di eventi e manifestazioni organizzate sul territorio, svolge attività finalizzate alla promozione delle realtà commerciali e degli esercizi pubblici cittadini ed a favorire l’incoming di flussi turistici fornendo servizi di informazione, anche con moderne soluzioni tecnologiche . Intende porre inoltre attenzione ad un miglioramento dell’estetica e del decoro degli spazi destinati al commercio, al sistema di governo dei flussi di accesso alle zone del Distretto, nonché ad interventi a favore della sicurezza.

Info
Distretto del Commercio InVarese
Via Sacco, 5
21100 Varese (VA)
Tel.: 0331234567
Fax: 0331234567
Email: info@varesesmartcity.com
Scrivici
ITA ENG @
CHIESA DI SANT'ANTONIO ABATE E PIAZZA DELLA MOTTA

L'edificio attuale è un rimodernamento operato da Giuseppe Bernasconi, a partire dal 1593. La facciata è molto sobria; l'interno, invece, è decorato con affreschi Rococò, realizzati da Giovan Battista Ronchelli di Cabiaglio, che seguono le inquadrature architettoniche di Giuseppe Baroffio del 1756, ripetendo lo schema tradizionale iconografico della cupola che si apre verso il cielo. Al centro c'è una statua in legno del Seicento di Sant'Antonio Abate, mentre nelle nicchie dell'aula vi sono quattro santi anacoreti in terracotta, realizzati forse da Francesco Silva e Dionigi Bussola tra il 1613 e il 1623. Alle pareti sono appese numerose tele. Nella cappella di sinistra è posto l'antico altare maggiore sopra il quale spicca una tela raffigurante l'"Adorazione dei Magi", di un anonimo, della fine del Cinquecento o inizi Seicento. Il 17 gennaio in Chiesa, nella piazza antistante e nelle vie circostanti, si svolge la festa di Sant'Antonio Abate; la notte della vigilia, secondo l'antica tradizione popola-re, le autorità cittadine accendono il falò di Sant'Antonio Abate. 

/ Letta 6241 Volte